Sul tetto della provincia!

Ed eccomi a raccontare un altro giro sulla neve del Monte Falco – Burraia, la montagna più alta della nostra provincia di Arezzo e di tutto l’Appennino tosco – romagnolo.
Ricordo che il crinale del Monte Falco è in comune tra le province di Forlì-Cesena, Arezzo e Firenze.

Dopo essere stato domenica 24 febbraio fino ai 1500 m, di cui potete vedere le foto cliccando qui, domenica 3 marzo sono stato fino alla vetta del Monte Falco (1658 m).
Stesso giro che facemmo anche il 19 gennaio, quella volta con un tempo quasi da lupi, cliccate qui per vedere le foto di quell’escursione!

Stavolta il tempo era molto migliore, sereno e temperatura mite, mite considerando la quota di montagna: alcuni gradi sopra lo zero anche sulla vetta a 1650 m. Mancano purtroppo i dati della stazione meteo a 1645 m, ma il Corpo Forestale per quella domenica, ha rilevato una temperatura massima di +5°c al termometro meccanico messo al campetto del rilevamento neve a quota 1479 m.

Da notare anche il fatto che c’era una marea di gente, in tante volte che sono stato alla Burraia mai avevo trovato tanta gente. Probabilmente ha influito molto il fatto che era bel tempo, temperatura gradevole e c’era tanta neve! In molti hanno dovuto lasciare la macchina al Passo della Calla, anche lungo la strada prima del passo, perché la forestale faceva salire solo un numero ristretto di auto, dato che su a Fangacci non c’era più posto.

Passiamo alle foto!

Una zoomata all’asticella al campetto di rilevamento neve a quota 1479 m: 151 cm! Ma sopra i 1600 m c’erano circa 200 cm di neve, in alcuni punti direi ben oltre i 200 cm!

In cammino…

Sul crinale del Poggio Sodo dei Conti (1574 m), questa era l’altezza della neve!

Purtroppo anche se era sereno la visibilità non era ottimale e il mare non era visibile, o si intravedeva solo appena con il binocolo.

Il punto dell’arrivo dello skilift a circa 1640 m di quota.

Sul crinale del Monte Falco, da notare qui il cartello quasi sommerso.

La vetta del Monte Falco (1658 m).

Alcune foto panoramiche, visibilità buona anche se non purtroppo non ottimale e Mar Adriatico e Alpi non erano visibili.
Qui verso il Pratomagno.

Verso il Mugello.

Mugello e sulla sinistra in lontananza le montagne del Cimone e Abetone.

Una zoomata verso le montagne della zona Cimone – Abetone.

Visuale verso nord.

Visuale verso nord: qui sotto il primo poggio si chiama Poggio Piancancelli (1576 m) e tra il primo e il secondo poggio c’è il Passo Piancancelli (1488 m). Il secondo poggio (1524 m), dalla forma a panettone, è dove si trova l’anello della pista dello scii di fondo, ed è chiamato Pian delle Fontanelle.

Dal crinale del Monte Falco, discesa verso Passo Piancancelli dal sentiero chiamato Pista del Lupo.

Il sentiero costeggia il Poggio Piancancelli (1576 m). Alle ore 15.20 alcune zone erano già in ombra e da un bel pezzo. Si sentiva subito il cambio di temperatura, era ben più fresco!
In alcuni punti al suolo era presente la calabrosa caduta dagli alberi.

Il posto della Fonte Sodo dei Conti.

Solo nei punti in cui la neve era meno alta e sottolineo meno alta, delle volte spuntavano fuori i segni dei sentieri CAI; ma quasi tutti non si vedevano perché erano sepolti dalla neve!

Arrivo al Passo Piancancelli (1488 m). Il piccolo parcheggio è sepolto dalla neve, la staccionata di legno che delimita il perimetro del parcheggio è totalmente sommersa.

Ho come la sensazione che non è necessario il cartello (e la sbarra sepolta), per evitare che le auto ci passino…

Infine, da Piancancelli ritorno a Fangacci e la neve sulla strada usata per la pista dello scii di fondo è bella alta! Queste due immagini parlano da se!

Cartello dei 4 km di distanza dal Passo della Calla (1296 m).

Qui un’immagine della webcam al Rifugio La Capanna (1488 m) della mattina del 3 marzo.

Un saluto da Simone Paolucci di Arezzo Meteo e al prossimo giro sulla neve!

7 Comments
  • ginghe
    Posted at 07:09h, 06 Marzo

    che giornata splendida!!!

  • Meteorite
    Posted at 21:11h, 06 Marzo

    Grande Simone!!!! come sempre puro spettacolo!!!!

  • Simo87
    Posted at 21:30h, 09 Marzo

    Si, è stata davvero una bella passeggiata! Peccato per la visibilità non ottimale, ma mi accontento, soprattutto se penso che poteva andare molto peggio, dato che mi ero visto di lasciare la macchina alla Calla dal tritio di gente che c’era e a quel punto, difficilmente avrei fatto questo giro.

  •   Quel Sasso regale che guarda la città by Arezzo Meteo
    Posted at 17:54h, 18 Marzo

    […] Come già un mese prima, l’occasione era ghiotta ma i vincoli stretti. Una preannunciata giornata serena su quella che poteva benissimo essere l’ultima neve stagionale in Catenaia, che per noi avrebbe rappresentato una sorta di rivincita su un precedente tentativo abortito run-time per un contrattempo insuperabile. E poi, a casa per pranzo? Fattibile, a certe condizioni. Risultato: più neve residua di quanto immaginato, con conseguente allungamento di scarponata e correlato accorciamento di mete, rinunciando al Monte Castello. Ma ne è ampiamente valsa la pena! Per chi è appassionato di ben altri bianchi spessori, allora ‘gna ire sul Falco con Simone. […]

  •   Ancora neve sul Poggio Sodo dei Conti  by Arezzo Meteo
    Posted at 00:01h, 19 Marzo

    […] Cliccando qui trovate il resoconto della camminata del 3 marzo, fino alla vetta del Monte Falco (1658 m). […]

  •   Primavera e neve sul Monte Falco by Arezzo Meteo
    Posted at 00:02h, 14 Maggio

    […] Dopo essere stato numerose volte in questo inverno nella zona della Burraia – Monte Falco, ecco un’altra camminata in condizioni del tutto particolari: gli ultimi accumuli di neve, uniti al risveglio della primavera, un paesaggio surreale! Queste foto sono dell’11 maggio. Anche se tracce di neve rimangono quasi tutti gli anni fino a inizio maggio, non capita tutti gli anni che ammassi di neve reggano così a lungo, tracce potrebbero resistere fino a inizio giugno! Direi che se aprile e questa prima metà di maggio fossero stati con temperature nella media, invece che nettamente superiori come è stato, tracce di neve sarebbero resistite fino a metà giugno! […]

  • Primavera e neve sul Monte Falco! -
    Posted at 07:14h, 15 Maggio

    […] Previous PostPrimavera e neve sul Monte Falco! 0 ginghe maggio 15, 2013 Curiosità meteo Dopo essere stato numerose volte in questo inverno nella zona della Burraia – Monte Falco, ecco un’altra camminata in condizioni del tutto particolari: gli ultimi accumuli di neve, […]

Post A Comment