Il possibile gelo di fine anno

Stavolta non si tratta del “gelo” falso dei telegiornali e dei siti farlocchi che usano questo termine non appena si prevede una massa d’aria fredda di moderata o al più modesta entità. Stavolta la parola GELO può essere usata eccome,  perchè effettivamente l’aria che arriverà agli inizi della prossima settimana sarà tutt’altro che fresca. Si parla di aria continentale se non siberiana quindi con origine molto fredda visto da dove proviene. 

Il tutto potrebbe accadere dopo una prima irruzione di aria moderatamente fredda che avrà luogo già nelle prossime ore a partire da Nord-Est. I fenomeni saranno deboli e concentrati maggiormente sulle regioni adriatiche più esposte alle correnti orientali. Nella nostra provincia vedo difficile qualche fenomeno se non sulle zone appenniniche più orientate verso l’adriatico, ma avremo un buon calo termico e vento moderato – forte di Grecale. 

Il freddo atteso per S. Stefano

Il freddo atteso per S. Stefano

Sabato pomeriggio sera l’intrusione di una rapida perturbazione farà alzare nuovamente le temperature per via del richiamo di Libeccio che precede il nucleo perturbato. La neve dovrebbe però cadere sul nostro appennino intorno ai 1000 – 1200 metri di altezza  per poi calare rapidamente domenica mattina quando le precipitazioni maggiori però sembrano già essere passate.

Vi voglio solo far vedere una mappa per chiudere! La carta è prevista per il 31 ( mercoledì prossimo ) ed ha ancora margini di cambiamento ovviamente ( quindi non prendetela ancora per verità! ) ma le temperature potrebbero risultare veramente molto fredde, di quelle che non se ne vedono spesso.

Carte gelide per l'Italia! Sarebbe prevista una -12°/-13 °C a 1500 metri d'altezza per  il 31

Carte gelide per l’Italia! Sarebbe prevista una -12°/-13 °C a 1500 metri d’altezza per il 31

Vi invitiamo pertanto a restare aggiornati sulla situazione molto delicata che ci aspetta nei prossimi giorni. A presto e ancora buone feste!

                                                                                                  ALESSIO ARGENTELLI

  

No Comments

Post A Comment