Ultima neve in Catenaia

Alcune foto di domenica scorsa 16 marzo sulla vetta dell’Alpe di Catenaia (1414 m). Una bella passeggiata nella natura non fa mai male, peccato per il cielo sempre grigio da foschia come è ormai da molti giorni.
Ultimi ammassi di neve in quota sulle zone più riparate, nelle zone esposte al sole la neve è assente anche sulla vetta, mentre in quelle più riparate e esposte al vento c’erano ancora ammassi che arrivavano anche a 50 cm.
Peccato per il brutto periodo invernale: Catenaia non è certo il luogo migliore per avere grandi accumuli di neve, ma normalmente in questo periodo la neve dovrebbe essere molto più alta!

Non mi dilungherò nella descrizione del luogo, che tanto di questi posti ci sono già i due bei articoli che fece a suo tempo Carlo Palazzini: cliccate qui per vedere l’articolo del crinale sulla vetta e qui per vedere l’articolo nevoso del Sasso della Regina.

Parcheggiata la macchina nella zona pic-nic della Fonte del Baregno (1179 m), ci dirigiamo verso la vetta passando dal Sasso della Regina (1247 m). Dal Sasso della Regina la vista verso la vetta.

Alpe di Catenaia

In cammino verso la vetta.

Alpe di Catenaia

Alpe di Catenaia

Alpe di Catenaia

Ed ecco la vetta dell’Alpe di Catenaia, Monte Il Castello 1414 m. Il cippo è in memoria dei partigiani caduti durante la guerra. Da qui infatti passava la Linea Gotica.

Alpe di Catenaia

Alpe di Catenaia

Il crinale separa il Casentino (comune di Subbiano) dalla Valtiberina (comune di Caprese Michelangelo).

Alpe di Catenaia

Verso al vetta del vicino Monte Altuccia (1407 m), la seconda vetta più alta dell’Alpe di Catenaia, dove sulla cima ci sono i tre ripetitori che sono visibili anche da lontano.

Alpe di Catenaia

Alpe di Catenaia

Alpe di Catenaia

Alpe di Catenaia

Dal Monte Altuccia, la vista sul Crinale e il Monte Il Castello.

Alpe di Catenaia

Un piccolo stagno.

Alpe di Catenaia

Un albero molto probabilmente colpito da un fulmine.

Alpe di Catenaia

Alpe di Catenaia

Un bel torrentino in zona.

Alpe di Catenaia

Simone Paolucci

No Comments

Post A Comment