Instabilità pomeridiana nei prossimi giorni.

Buongiorno a tutti.
Sta per terminare questa ennesima (ma breve) avvezione calda di matrice subtropicale, almeno sulle nostre zone. L’alta pressione nei prossimi 3 / 4 giorni subirà delle “smagliature” in quota (vedi immagini allegate) che permetteranno della più spiccata instabilità pomeridiana nelle zone interne, con nascita di nuvolosità convettiva e sviluppo di rovesci o temporali sparsi che potrebbero presentarsi di forte intensità (anche grazie alla energia termica accumulata vista la recente avvezione calda di matrice africana).
Non si tratta di una rottura stagionale: non assisteremo affatto al transito di una perturbazione organizzata in stile simil-autunnale, ne tanto meno al transito di un sistema depressionario ben strutturato. Parliamo di uno strappo in quota specie all’altezza isobarica di 500 hpa con infiltrazioni di aria più fresca di origine atlantica , una specie di “decadimento” stagionale quasi fisiologico visto che marciamo a grandi passi verso settembre.
Per oggi (mercoledì) non ci attendiamo grandi cose. Ci sarà una maggiore formazione di nuvolosità convettiva nelle aree interne, qualche modesto calo nei valori massimi di temperatura, forse in pochi isolati rovesci (brevi) a ridosso delle aree montuose. Tempo certamente più soleggiato lungo le coste e aree limitrofe.
Per giovedì ci attendiamo una mattinata soleggiata ma ben presto le aree interne e montuose vedranno il “fiorire” di nuvolosità con sviluppo verticale, più minacciosa nelle ore pomeridiane e serali. A rischio temporale tutte le aree interne e Appenniniche, specie le zone del senese, aretino e fiorentino (vedi LAM che alleghiamo all’articolo). I fenomeni potrebbero risultare anche intensi.Temperature in diminuzione limitata nelle zone che rimarranno a “secco”, diminuzioni anche nette ma temporanee nelle zone che saranno prese dall’instabilità. Tutto sommato i valori termici saranno prettamente estivi anche senza gli eccessi dei giorni scorsi.
Questo tipo di tempo, con incertezze pomeridiane, forse ce lo porteremo dietro anche nel prossimo fine settimana.
Ricordiamo che in molte zone della regione in questo Agosto non è caduta una goccia d’acqua e che anche questo mese, dal punto di vista termico, molto probabilmente chiuderà con un ennesimo sopramedia.
Lo staff di Arezzo Meteo.
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.