Arezzo sola!!!!!!!

Abbiamo vinto! Arezzo provincia da sola!

Ecco come dovrebbe diventare la geografica della Toscana! (Il condizionale è d’obbligo, ma la cosa certa è che la provincia di Arezzo resterà intatta dei propri confini).

Ecco come dovrebbero diventare le province della Toscana, in grassetto il capoluogo.
1. Provincia di Firenze con Pistoia e Prato.
2. Provincia di Arezzo.
3. Provincia di Grosseto con Siena.
4. Provincia di Livorno con Pisa, Lucca e Massa Carrara.

Pubblicamente ringraziamo il Sindaco Fanfani di Arezzo e tutti i sindaci dei comuni presenti nella nostra provincia, oltre che Vasai e molti altri che si sono battuti. Un auto ringraziamento và anche a noi che nel nostro piccolo, facebook, sito, riunioni, ci siamo battuti con firme e altro ancora.
Un ringraziamento mio personale và a Simone Paolucci per il suo intervento nella riunione tra i “grandi”, che ha avuto il coraggio di parlare delle nostre idee avute tra di noi di Arezzo Meteo e Arezzo Astrofili.
La cosa che ci interessava a noi è che non cambierà niente a livello geografico. Arezzo rimane Arezzo!
Dopo, a livello politico ormai è tutto un disastro, quindi chi vivrà vedrà…
Cavolo, ma almeno a livello di storia, geografia e molto altro, tutto rimane invariato!!

Qui un breve articolo.

Lorenzo Sestini

7 Comments
  • Simo87
    Posted at 18:14h, 31 Ottobre

    Evviva 🙂

  • Meteorite
    Posted at 19:19h, 31 Ottobre

    GRANDE AREZZO !!!!!!!!!!

  • Simo87
    Posted at 10:07h, 01 Novembre

    Così dovrebbero diventare le province italiane http://img836.imageshack.us/img836/3808/italiaj.jpg

  • Matteo
    Posted at 13:41h, 01 Novembre

    In realtà questo scenario è ciò che prevede il Decreto Legge che è stato approvato dal Consiglio dei Ministri.

    Per chi non lo sapesse, il Decreto Legge deve poi essere convertito in legge entro 60 giorni dal Parlamento (stesso testo sia alla Camera che al Senato): tuttavia, possono comunque essere proposti emendamenti che modifichino il testo di partenza e in quel caso ovviamente, sempre in caso di approvazione entro i 60 giorni dai due rami del Parlamento, i contenuti potrebbero differire da quelli attuali.

    Se anche la legge di conversione dovesse confermare quanto stabilito dal decreto, credo che sia molto difficile per i Pisani accettare di perdere la sede del capoluogo di provincia a vantaggio dei Livornesi (immagino già la copertina del prossimo numero de Il Vernacoliere… 😀 ), così come sarà difficile per i Senesi accettare la sudditanza rispetto a Grosseto che si prenderebbe la sede del capoluogo della nuova ipotetica provincia.

  • Simo87
    Posted at 14:40h, 01 Novembre

    Dici bene Matteo. C’è poi anche da considerare il fatto che la Corte Costituzionale si deve pronunciare e poi il fatto che presto ci sarà un nuovo governo che potrebbe cambiare le carte in tavola.
    Questo delle province è quello che si prospetta sulla carta, ma da qui a essere definitivo ce ne corre e, se così sarà, credo che ci saranno diversi problemi, specie dell’attaccamento verso il proprio territorio che viene scippato (mi riferisco soprattutto a Pisa e Siena). Non dimentichiamo che la provincia di Grosseto è nata da una parte della provincia di Siena, sarà difficile per i senesi mandare giù il fatto di avere la cosa opposta!

  • Simo87
    Posted at 11:12h, 02 Novembre

    Per la cronaca, l’ultimo dato ufficiale dell’ISTAT sulla popolazione è di fine aprile 2012 e la nostra provincia segna 350.717 abitanti, valore stabile o in leggerissimo aumento. Il 1 gennaio 2012 segnava 350.552 abitanti.

    Certo fa un po’ effetto, pensare che delle province in regola eravamo l’unica in Italia che rischiava di essere sfrattata e invece siamo passati ad essere l’unica della Toscana che rimane inalterata nei confini. Da un estremo all’altro, le lotte fatte dagli aretini hanno avuto un ruolo fondamentale! 🙂

  • gianfranco
    Posted at 12:19h, 02 Novembre

    Evviva, a volte serve farsi vedere arrabbiati….. Ora lavoriamo tutti per rendere questa provincia un modello! Cominciamo a guardare avanti!

Post A Comment