Archivio della categoria 'Previsioni'


  Rispetto a quello che abbiamo detto nel precedente intervento di martedì, la fase fredda che avrebbe preso il prossimo fine settimana è stata via via ridimensionata dai modelli matematici che hanno meglio calcolato e inquadrato la prossima fase, dopo le grosse incertezze dei giorni scorsi. Come potete vedere dal grafico rielaborato (temperature previste a
      Possibile fase fredda per il prossimo fine settimana. Dopo tantissima incertezza nelle elaborazioni matematiche dei modelli, che comunque ancora oggi non è del tutto dipanata, sembra che la nostra penisola nel fine settimana possa piombare in una fase fredda di stampo invernale, dopo un po’ di giorni con le correnti zonali temperate
  Nulla di nuovo per la prossima settimana rispetto a quello che noi di Arezzo Meteo diciamo da giorni. Dopo questo fine settimana comandato da “fredde” e secche correnti nord orientali (fredde fra virgolette poiché in realtà stiamo registrando valori che poco o nulla si allontanano dalle medie di questo periodo), da inizio settimana torneremo
  Medio / lungo termine: cosa ci aspetta? Probabilmente sarà ancora l’atlantico protagonista con veloci correnti nord occidentali, anche ben tese, che arrivano praticamente dal Labrador / Groenlandia fino a giungere alla nostra penisola. mosse da una depressione Islandese (la cosidetta “semipermanente) molto attiva e profonda. Ovviamente il fatto che le correnti arrivino dalle zone
  Vediamo una ipotesi contemplata da alcuni modelli matematici questa mattina. Premettiamo che si tratta di una proiezione a 7 giorni, quindi attendibilità bassa, molto bassa. In teoria non la dovremo nemmeno esporre, ma visto che nel breve / medio termine c’è poco da dire, ci lanciamo su quello che da molti viene definito, non
  Nel fine settimana una saccatura atlantica andrà a porre il suo asse fra Francia e Penisola Iberica, fino a puntare il nord Africa. In queste zone si isolerà un sistema depressionario che a fatica muoverà (lunedì) qualche passo verso levante. Gli effetti sono abbastanza scontati: aria fredda interesserà la penisola Iberica e il Nord
  Questi i valori termici previsti alla quota isobarica di 850 hpa (in parole povere a circa 1450 mm dove si attesterà la pressione appunto di 850 hpa). Spuntano anche valori di +10° e comunque non si va sotto i +8°. Da tenere conto che sono valori previsti nella libera atmosfera. Aria mite quindi in
  Dopo alcune giornate con flusso atlantico zonale o semizonale, con onde corte e passaggio di veloci perturbazioni atlantiche di debole o moderata entità, con clima sostanzialmente non troppo freddo, qualcosa a livello circolatorio potrebbe cambiare per la prossima festa dell’Epifania. Stavolta dovremmo avere uno scambio meridiano più accentuato ad opera di una saccatura nord

Atlantico sugli scudi

  Sta per finire la fase fredda, prettamente invernale, con afflusso di correnti nord atlantiche (aria polare marittima e artico marittima) che ha causato delle nevicate anche a quote basse sulla nostra provincia. Una fase del tutto normale per dicembre e nulla di straordinario. Da oggi inizierà una nuova fase dettata dalle correnti più miti
Perturbazione intensa per mercoledì e prima parte di giovedì specie per regioni centrali, tirreniche e nord est, con nevicate abbondanti su tratti montani di queste zone citate. La perturbazione sarà accompagnata anche da aria fredda (ma non gelida!!!!!) proveniente dal nord Atlantico, di tipo marittimo. La neve, fra mercoledì sera e prima parte di giovedì,