Inverno 2015 – 2016 mai arrivato!

Ora lo possiamo dire: l’inverno 2015 – 2016 non è mai arrivato! Si, perché oggi 29 febbraio meteorologicamente è l’ultimo giorno di inverno, iniziato, per modo di dire (che parolone iniziato…) il 1 dicembre. Non possiamo neanche dire che oggi finisce l’inverno perché non può finire una cosa che non è mai iniziata! Questo almeno per quanto riguarda i posti di cui ci occupiamo, la nostra provincia e zone limitrofe, anche se in realtà vale lo stesso discorso per gran parte d’Italia.

Potrei fare numerosi esempi con dati alla mano che dimostrano questo “non inverno” che abbiamo avuto. Ne metto uno su tutti, ossia il numero di giorni in cui sul Monte Falco – Campigna, la stazione meteo a quota 1488 m (al Rifugio La Capanna) ha avuto la temperatura massima negativa, cioè l’intero giorno sotto lo zero: 6 !
Già 6, in tre mesi, da dicembre a febbraio, un misero numero. Basti pensare che novembre 2015 aveva avuto un numero di 7 giorni, quindi nei successivi tre mesi invernali non si è neanche raggiunto il numero di giorni freddi che c’erano stati nel solo mese di novembre! Una cosa semplicemente assurda, già solo questo dato è la prova che abbiamo avuto un inverno ridicolo!

Fasi fresche o fredde, magari anche con neve a quote collinari, si potranno anche avere in marzo o aprile, delle volte ai 1500 m del Monte Falco – Falterona ci ha nevicato con accumulo anche in giugno, ma certamente l’inverno meteorologico quest’anno non è mai arrivato.

Sotto alcune immagini per ricordare questo squallido inverno.

Una “bella” piena +12° a circa 1560 m il pomeriggio del 1 febbraio, con ampie zone della Toscana con la +14°.

1 febbraio 2016

Il crinale del Monte Falco a 1630 m senza neve (solo qualche traccia) in periodi invernali in cui la neve, alta, dovrebbe essere la normalità. Zona del Monte Falco che solo in qualche settimana si è salvata con accumuli più dignitosi, sul resto dell’Appennino tosco – romagnolo solo “briciole”.

crinale Monte Falco 1

crinale Monte Falco 2

Simone Paolucci

2 Comments
  • ginghe
    Posted at 07:35h, 02 Marzo

    c’è poco da commentare…..alla faccia di quei due o tre personaggi che vedono il gelo dappertutto

  • Simo87
    Posted at 18:06h, 02 Marzo

    Probabilmente alla prima sfiocchettata marzolina sotto i 1000 m si tornerà a parlare di evento invernale, tipo nel caso di domani mattina. Come se la neve a marzo sotto i 1000 m fosse una rarità: delle volte in marzo in posti collinari come Stia o Palazzo del Pero ci ha fatto 30 cm, anche oltre, di neve! 🙂

Post A Comment