Passo dei Mandrioli (1173 m)

Il Passo dei Mandrioli (1173 m) è uno dei passi più importanti della nostra provincia di Arezzo. Si trova in Casentino, sulla SR 71 Umbro – Casentinese e collega il Casentino alla Romagna. Questa strada è quella che si percorre per raggiungere Camaldoli, ma al bivio per Camaldoli, invece di girare si tira dritto e si raggiunge il paese di Badia Prataglia che si trova a pochi chilometri dal passo a quota 835 m. Andando sul versante Romagnolo invece il primo paese che si incontra è quello di Bagno di Romagna (quota 465 m).

Alcune foto al passo (1173 m).

Stesso punto, una foto del 14 febbraio 2010 con circa 90 cm di neve.

Il passo, oltre a separare la provincia di Arezzo dalla provincia di Forlì-Cesena, segna anche il confine del Parco Nazionale.

Dal passo passano alcuni sentieri. Il più importante percorre il crinale dell’Alpe di Serra e arriva al Passo di Serra (1148 m).

Sul versante romagnolo c’è il comune di Bagno di Romagna.

La vista verso il romagnolo Monte Comero (1371 m).

La vista verso la vallata romagnola.

Uno zoom verso la zona di Bagno di Romagna – San Piero in Bagno, dove si può entrare nella strada E45.

Uno zoom verso gli Scalacci, una formazione geologica arenaria che caratterizza questa parte di strada del versante romagnolo.

Venendo dal versante romagnolo, questa è l’ultima curva, poi c’è il passo e il paesaggio cambia completamente. Non è un caso che proprio al passo si entra nel Parco Nazionale. Nel versante romagnolo, le rocce in diversi punti hanno delle reti di protezione.

Il passo venendo dal versante romagnolo.

Nel versante aretino, il comune è quello di Poppi.

Sul versante aretino, nelle vicinanze del passo, in località Cancellino, c’è la bellissima strada forestale che porta alla località romagnola della Lama (694 m). Qui i sentieri a piedi con le foto di Carlo Palazzini.
La strada è chiusa, ed è accessibile solo con i pulmini estivi o in mountain bike (MTB). Per chi la vuole fare in bici, attenzione perché la strada è lunga, ben 18 km di sterrato immersi nella foresta e al ritorno sono di salita!

Scendendo verso Badia Prataglia, troviamo la Locanda Carbonile a quota 960 m.

Vi ricordate in che condizioni era lo scorso febbraio? Beh, vi rinfresco la memoria! Il 5 febbraio era così.

Il 12 febbraio era addirittura così, con 215 cm di neve (dato del Corpo Forestale) e il piano terra completamente sepolto!!

Per vedere le foto della neve del febbraio 2012 a Badia Prataglia cliccate qui.

 

Simone Paolucci

5 Comments

Post A Comment