Espandi
FacebookTwitterGoogle+Share

CLICCA QUI SOPRA PER ESPANDERE LA PAGINA

Aggiornamento: Lunedì 8  febbraio 2016  ore 7 (Alessandro Nardi)

SITUAZIONE:

 

Fase del tempo che più che l’inverno sembra ricordare il pieno autunno novembrino, con temperature miti, nevicate solo sulle cime appenniniche e valori termici dappertutto sopra le medie stagionali. Le correnti portanti arrivano da ovest, di natura oceanica, che trasportano perturbazioni umide in serie. Una di queste ci sta lasciando proprio in questa mattina, ma altri fronti arriveranno da ovest.

luUn fronte sarà una realtà nella serata di martedì ed apporterà un altro importante peggioramento. Fra l’altro questo sarà seguito da un po’ di aria fredda che dovrebbe consentire qualche nevicata a quote medie anche nei nostri settori montani.

DETTAGLIO PREVISIONALE

LUNEDI: molto nuvoloso al mattino con residue precipitazioni. Parziale miglioramento dalla tarda mattinata ma sempre con cielo nuvoloso o parzialmente nuvoloso. Ventilazione da ovest. Temperature miti, specie nei valori notturni abbondantemente sopra le medie.

MARTEDI: da poco a parzialmente nuvoloso al mattino ma con peggioramento del tempo in giornata e ritorno della pioggia. Neve solo a quote elevate, in calo in serata/nottata fino ai 1000 metri. Ventilazione sostenuta da libeccio. Temperature ancora piuttosto miti.

MERCOLEDI: ancora  molto nuvoloso nella prima parte di giornata, con residue precipitazioni specie nelle aree orientali. Nevicate residue oltre i 1000 metri. Temperature in flessione non eclatante.

TENDENZA SUCCESSIVA:

Anche nel lungo termine notiamo lo stesso tipo di circolazione di questi giorni, quindi tempo molto dinamico ma in un contesto termico sostanzialmente mite per la stagione. Solo nella coda dei “runs” modellistici vi è un accenno a blocchi zonali con clima più invernale, ma questo sarà tutto da verificare vista l’enorme distanza temporale che ci separa.

logo pubblicita'

NB: importante: le previsioni, come già evidenziato spesso dal nostro portale, dopo i tre giorni perdono affidabilità anche in modo drastico (anche se ci sono situazioni, specie quelle anticicloniche, che hanno un affidabilità più elevata anche a 5 giorni). Il nostro consiglio è di diffidare sempre da chi propone dettagli previsionali specie su micro-areee oltre questa soglia, men che mai da chi propone previsioni stagionali col mero scopo di ottenere click e conseguenti introiti pubblicitari. Le proiezioni stagionali, fatte con modelli matematici particolari, hanno un carattere poco più che sperimentale, con margine di affidabilità ancora piuttosto basso. A volte si ottengono risultati sorprendenti, specie a scala più generale-continentale, ma più spesso si prendono delle sonore cantonate.

Da ricordare: ArezzoMeteo è un portale di informazione meteorologica di tipo amatoriale. Le previsioni non sono elaborate da professionisti ma da appassionati con esperienza ormai decennale nel settore.

FacebookTwitterGoogle+Share