Warning: array_slice() expects parameter 1 to be array, null given in /web/htdocs/www.arezzometeo.com/home/wp-content/plugins/news-ticker/ticker.php on line 110
Espandi
FacebookTwitterGoogle+Share

CLICCA QUI SOPRA PER ESPANDERE LA PAGINA

Aggiornamento: Domenica 23 Aprile 2017 ore 7 (Nardi Alessandro)

SITUAZIONE:

doTemperature decisamente diverse questa mattina rispetto alle precedenti, difatti non si sono registrati valori sotto lo zero. La stazione di Arezzo San Fabiano (CFR) ha avuto una minima addirittura di ben 7° contro i -0,2 di sabato. Dal punto di vista della sinottica la nostra penisola è compresa in una fascia di alta pressione e le perturbazioni atlantiche sono costrette a passare alte di latitudine. Deboli correnti di libeccio comunque riusciranno a portare un po’ di nuvolosità specie sulla parte nord occidentale della regione e a ridosso dei rilievi Appenninici. Questa situazione permarrà fino a lunedì, poi una saccatura nord atlantica si approssimerà al Mediterraneo centro-occidentale, causando un peggioramento del tempo a partire da mercoledì.

DETTAGLIO PREVISIONALE

DOMENICA: qualche addensamento al mattino su Valdarno e tratto Appenninico versante Toscano. Durante la giornata in genere poco nuvoloso. Temperature minime in deciso rialzo, massime stazionarie su valori gradevoli e intorno alle medie (zone di pianura intorno ai 17-19 gradi)

LUNEDI: poco nuvoloso al mattino, poco nuvoloso o parzialmente nuvoloso al pomeriggio ma senza rischio di precipitazioni. Temperature stazionarie su valori intorno alle medie del periodo e senza ulteriori brinate fuori stagione.

MARTEDI: poco nuvoloso al mattino. Durante il corso della giornata aumento della nuvolosità stratificata da sud ovest. Ventilazione debole da scirocco. Temperature minime in leggero rialzo, massime stazionarie.

TENDENZA SUCCESSIVA:

Dopo un lunghissimo periodo una saccatura atlantica (nord atlantica in questo caso) sembra avere una traiettoria occidentale e puntare, stavolta, un un primo momento il bacino occidentale del Mediterraneo. In questo modo arriveranno correnti umide meridionali che dovrebbero causare precipitazioni nei versanti occidentali, sulle Alpi e al nord in genere, le regioni più penalizzate dalla lunga fase secca. In seguito tutta la struttura, che però non sembra sprofondare troppo a sud, dovrebbe scorrere verso levante introducendo anche aria più fredda. Nella seconda parte della prossima settimana, quindi, ci attende un tempo più instabile e capriccioso.

NB: importante: le previsioni, come già evidenziato spesso dal nostro portale, dopo i tre giorni perdono affidabilità anche in modo drastico (anche se ci sono situazioni, specie quelle anticicloniche, che hanno un affidabilità più elevata anche a 5 giorni). Il nostro consiglio è di diffidare sempre da chi propone dettagli previsionali specie su micro-aree oltre questa soglia, men che mai da chi propone previsioni stagionali col mero scopo di ottenere click e conseguenti introiti pubblicitari. Le proiezioni stagionali, fatte con modelli matematici particolari, hanno un carattere poco più che sperimentale, con margine di affidabilità ancora piuttosto basso. A volte si ottengono risultati sorprendenti, specie a scala più generale-continentale, ma più spesso si prendono delle sonore cantonate.

Da ricordare: ArezzoMeteo è un portale di informazione meteorologica di tipo amatoriale. Le previsioni non sono elaborate da professionisti ma da appassionati con esperienza ormai decennale nel settore.

FacebookTwitterGoogle+Share