Espandi
FacebookTwitterGoogle+Share

CLICCA QUI SOPRA PER ESPANDERE LA PAGINA

Aggiornamento: Giovedì 8 dicembre 2016   ore 7 (Nardi Alessandro)

SITUAZIONE:
giUn vasto campo di alta pressione comprende anche la nostra penisola. In questo modo il tempo non può che essere stabile, con clima mite sui rilievi e nette inversioni termiche sulle pianure che vedono temperature piuttosto fredde durante la notte e il primo mattino. Perturbazioni atlantiche molto lontane dalla penisola e intanto su buona parte delle Alpi (e quasi tutti gli Appenninici) si fa sentire la cronica mancanza di neve, in vista delle Festività. Al riguardo, speriamo che cambi qualcosa nei prossimi giorni. Nel fine settimana un lieve cedimento pressorio (specie in quota) potrebbe permettere, sulla nostra regione, la formazione di nubi stratificate di tipo basso, con qualche pioviggine associata.

DETTAGLIO PREVISIONALE

GIOVEDI: sereno. Clima mite in montagna per inversione termica, freddo nelle pianure e vallate durante la notte e primo mattino. Temperature minime in calo, massime in lieve calo. Ventilazione assente o poco rilevante.

VENERDI: tempo stabile con possibile passaggio di qualche velatura durante la notte e il primo mattino. Possibili velature anche verso sera. Temperature minime sotto zero o intorno allo zero nelle vallate e pianure, massime piuttosto gradevoli intorno ai 10 – 11 gradi. Clima mite sui rilevi. Venti assenti.

SABATO: probabile arrivo di innocue stratificazioni nuvolose da ovest. Cielo quindi nuvoloso o parzialmente nuvoloso. Temperature minime in aumento, massime in calo.

TENDENZA SUCCESSIVA: 

Alta pressione che perderà qualche colpo nel fine settimana con arrivo di stratificazioni nuvolose per correnti umide marittime. Qualche pioviggine possibile nella giornata di domenica. Da lunedì l’alta pressione proverà ad erigersi per meridiani consentendo una discesa artica di aria fredda sulla Europa orientale e Balcanica. Vedremo in seguito con quali effetti sulla penisola.

NB: importante: le previsioni, come già evidenziato spesso dal nostro portale, dopo i tre giorni perdono affidabilità anche in modo drastico (anche se ci sono situazioni, specie quelle anticicloniche, che hanno un affidabilità più elevata anche a 5 giorni). Il nostro consiglio è di diffidare sempre da chi propone dettagli previsionali specie su micro-aree oltre questa soglia, men che mai da chi propone previsioni stagionali col mero scopo di ottenere click e conseguenti introiti pubblicitari. Le proiezioni stagionali, fatte con modelli matematici particolari, hanno un carattere poco più che sperimentale, con margine di affidabilità ancora piuttosto basso. A volte si ottengono risultati sorprendenti, specie a scala più generale-continentale, ma più spesso si prendono delle sonore cantonate.

Da ricordare: ArezzoMeteo è un portale di informazione meteorologica di tipo amatoriale. Le previsioni non sono elaborate da professionisti ma da appassionati con esperienza ormai decennale nel settore.

FacebookTwitterGoogle+Share