Espandi
FacebookTwitterGoogle+Share

Aggiornamento: Mercoledì 28 Gennaio 2015 ore 7 (Alessandro Nardi)

SITUAZIONE:

Ultima giornata in compagnia del sistema depressionario posizionato nello Jonio con correnti secche e  fredde nord-orientali sulle nostre zone.

me Da giovedì cambio netto di circolazione con arrivo di correnti di aria polare marittima provenienti da nord ovest che piloteranno dei sistemi perturbati anche sulla nostra penisola. Torneranno le nubi, le piogge e la neve in montagna, in prospettiva anche a  quote basse. Avremo temperature invernali ma senza ondate di gelo particolari.

DETTAGLIO PREVISIONALE:

MERCOLEDI: sereno o al massimo poco nuvoloso (qualche nube in più sui settori appenninici). Temperature rigide al mattino con gelate diffuse. Massime intorno ai 7 – 9 gradi in città.

GIOVEDI: nottetempo in arrivo la nuvolosità da ovest, dapprima di tipo stratiforme poi sempre più compatta. Precipitazioni che potrebbero arrivare in tarda mattinata, nevoso inizialmente a quote relativamente basse ma in successivo rialzo fino ai 1000 metri per l’entrata di più miti correnti da libeccio. Temperature massime in calo.

VENERDI: nuvoloso al mattino con qualche precipitazione. In giornata parzialmente nuvoloso.

TENDENZA SUCCESSIVA

La vasta fase depressionaria, che prenderà mezza Europa, ci terrà compagnia per molto tempo e potrebbe portare delle discrete nevicate sui nostri rilievi, via via a quote più basse. Infatti se dapprima avremo l’arrivo di aria polare marittima che per sua natura non è mai troppo fredda, in seguito, grazie ad una maggiore meridianizzazione delle figure bariche, avremo correnti di tipo artico-marittimo.

logo pubblicita'

NB: importante: le previsioni, come già evidenziato spesso dal nostro portale, dopo i tre giorni perdono affidabilità anche in modo drastico (anche se ci sono situazioni, specie quelle anticicloniche, che hanno un affidabilità più elevata anche a 5 giorni). Il nostro consiglio è di diffidare sempre da chi propone dettagli previsionali specie su micro-areee oltre questa soglia, men che mai da chi propone previsioni stagionali col mero scopo di ottenere click e conseguenti introiti pubblicitari. Le prioiezioni stagionali, fatte con modelli matematici particolari, hanno un carattere poco più che sperimentale, con margine di affidabilità ancora piuttosto basso. A volte si ottengono risultati sorprendenti, specie a scala più generale-continentale, ma più spesso si prendono delle sonore cantonate.

Da ricordare: ArezzoMeteo è un portale di informazione meteorologica di tipo amatoriale. Le previsioni non sono elaborate da professionisti ma da appassionati con esperienza ormai decennale nel settore.

FacebookTwitterGoogle+Share