Espandi
FacebookTwitterGoogle+Share

CLICCA QUI SOPRA PER ESPANDERE LA PAGINA

Aggiornamento: Martedì 24 ottobre  2017   ore 7 (Nardi Alessandro)

SITUAZIONE:

Un vortice depressionario è presente fra Ionio e Grecia e sta provocando episodi di instabilità nei settori adriatici e estreme regioni meridionali ma è previsto allontanarsi ulteriormente verso sud est. Al Nord e regioni centrali specie settori tirrenici si fa sentire l’influenza di un vasto promontorio di alta pressione che al momento ha il suo asse fra Spagna e Francia ma che già dalle prossime ore si porterà più vicino alla nostra penisola. Il tempo rimarrà quindi stabile e soleggiato fino a venerdì, con clima gradevole al pomeriggio e temperature fredde nelle zone di pianura durante la notte e il primo mattino per effetto dell’inversione termica, fatto del tutto normale nelle nottate serene e anticicloniche di questo periodo.

DETTAGLIO PREVISIONALE

MARTEDI: sereno o massimo poco nuvoloso. Minime fredde al mattino con valori vicini agli 0° (o anche di poco sotto) specie nelle conche Appenniniche. Massime in rialzo con valori intorno ai 20°. Ventilazione da grecale nelle fase centrale della giornata, di debole intensità e comunque in cessazione verso sera.

MERCOLEDI: generalmente sereno. Temperature minime fredde con valori prossimi agli 0° (in qualche caso anche di poco sotto) nelle conche appenniniche. Massime in ulteriore lieve rialzo (21 – 22 gradi). Clima mite anche in montagna.

GIOVEDI: sereno o poco nuvoloso con possibile passaggio di qualche velatura. Temperature invariate con minime piuttosto fredde.

TENDENZA SUCCESSIVA:

Una prima saccatura si avvicinerà alla nostra penisola con traiettoria da nord verso sud nella giornata di venerdì ma probabilmente sarà destinata all’Europa orientale. Una seconda (verso domenica / lunedì) dovrebbe puntare più la nostra penisola anche se il target principale dovrebbe essere la penisola Balcanica. In entrambi i casi non crediamo a grossi fenomeni per le nostre zone. Vedremo più avanti.

NB: importante: le previsioni, come già evidenziato spesso dal nostro portale, dopo i tre giorni perdono affidabilità anche in modo drastico (anche se ci sono situazioni, specie quelle anticicloniche, che hanno un affidabilità più elevata anche a 5 giorni). Il nostro consiglio è di diffidare sempre da chi propone dettagli previsionali specie su micro-aree oltre questa soglia, men che mai da chi propone previsioni stagionali col mero scopo di ottenere click e conseguenti introiti pubblicitari. Le proiezioni stagionali, fatte con modelli matematici particolari, hanno un carattere poco più che sperimentale, con margine di affidabilità ancora piuttosto basso. A volte si ottengono risultati sorprendenti, specie a scala più generale-continentale, ma più spesso si prendono delle sonore cantonate.

Da ricordare: ArezzoMeteo è un portale di informazione meteorologica di tipo amatoriale. Le previsioni non sono elaborate da professionisti ma da appassionati con esperienza ormai decennale nel settore.

FacebookTwitterGoogle+Share