Dati alluvione di Firenze novembre 1966

Della cronaca dell’alluvione di Firenze che avvenne il 4 novembre del 1966 tutti ne abbiamo sentito parlare e chi c’era se la ricorda bene, dato che anche qui in provincia di Arezzo ci furono diversi allagamenti. Non è della cronaca che mi voglio occupare. Io qui vi scriverò le quantità di precipitazioni incredibili che caddero in quei giorni e che portarono al disastro. La cosa importante da tener presente è che non conta quanto piovve a Firenze città, ma conta quanto piovve sull’arco del territorio in cui l’acqua affluisce nell’Arno e arriva a Firenze. Quindi provincia di Firenze e provincia di Arezzo.

Ecco alcuni dati significativi di pioggia in 24 ore.

Renacci (San Giovanni Valdarno) (AR) 227.0 mm.

Camaldoli (AR) 209.0 mm.

Stia (AR) 207.0 mm.

Vallombrosa (FI) 203 mm.

Fiesole (FI) 182.0 mm.

Bagno a Ripoli (FI) 180.0 mm.

Firenze (Ximeniano) 173.4 mm.

Antella (FI) 164.8 mm.

Santuario della Verna (AR) 151.0 mm.

Arezzo 101.8 mm.

Spicca il dato di Badia Agnano (AR) con 437.2 mm in 48 ore, di cui 338.7 mm in 24 ore!!!

E’ chiao che se in alcune zone si superano i 200 mm in 24 ore, che praticamente è più della media della pioggia di tutto il  mese di novembre, il disastro è quasi inevitabile. Dato che piogge così forti non si sono mai più verificate, perchè nelle province di Arezzo e Firenze statisticamente non accadono mai simili piogge, il rischio che possa ripetersi l’alluvione è molto basso. Ma dubito che oggi potremo fare qualcosa in più per proteggere l’Arno difronte a piogge violenti di questo tipo.

Alcuni dati dell’altezza che raggiunsero i fiumi.

L’Arno già in Casentino a Subbiano aveva una piena mostruosa: altezza massima di 10.58 m. Record dal 1929. Livello di guardia a 3.50 m.

Anche il Sieve (affluente importante dell’Arno) a Fornacina era altissimo: 6.90 m. Record dal 1921. Livello di guardia a 3.50 m.

L’Arno a Nave di Rosano ai margini di Firenze era omai inarrestabile: livello massimo di 10.30 m. Record dal 1920. Livello di guardia 4.00 m.

 

Simone Paolucci

5 Comments

Post A Comment