Gelicidio sul Monte Falco !

Gelicidio, sembra una parola strana e pericolosa, ma questo è il termine esatto delle condizioni meteo che ho trovato oggi nella zona del Monte Falco – Passo della Calla da quota 1200 m in su.

Il gelicidio è un tipo di pioggia congelantesi che si verifica quando piove con temperature di 0°  e inferiori allo 0. Sotto i 1200 m solo pioggia, sopra i 1200 m la pioggia iniziava a gelare sugli alberi. Fortunatamente sulla strada la pioggia non gelava, probabilmente era stato sparso il sale, anche se negli ultimi km la strada era completamente bianca di neve. Questo da principio: quando sono venuto via stava ghiacciando fortemente anche la strada e dopo un breve pausa per assistere a questo particolare fenomeno, me ne sono ridisceso.
Arrivato a quota 1480 m sul Monte Falco, versante di Forlì, la pioggia era a tratti anche mista a neve, con temperatura sui -2°c.

Al paese di Campigna, a quota 1070 m sul versante romagnolo del Passo della Calla, la temperatura massima è stata di solo +0.3°c. Più in alto, sopra i 1070 m, quindi era ancora più freddo, ma il caldo in quota ha impedito che nevicasse. Quindi c’è stata pioggia congelantesi, con temperatura sotto lo 0: il gelicidio appunto.

Neve di circa 20 cm al Passo della Calla (1296 m), circa 40 cm a quota 1480 m.

C’era anche diversa nebbia, quindi tra nebbia e pioggia era quasi inutile fare foto.

Ecco però un esempio degli alberi surgelati dal gelicidio al Passo della Calla: questo che si vede negli alberi non è neve, ma è tutto ghiaccio. Se notate bene si vedono anche dei piccoli candellotti di ghiaccio che scendono dai rami !

Una foto che ho fatto a quota 1450 m dove c’è il rilevamento ufficiale della neve: segna 34 cm di neve.

Questa misura della neve verrà aggiornata tra una decina di giorni fino ad aprile, quasi ogni giorno, dal Corpo Forestale dello Stato. Posso però dire che la misura vera della neve era 5 cm in più, dato che io ero a pochi metri da quel metro e ho misurato anche io in più punti la neve. Quindi neve vera a 1450 m di 39 cm.

Se volete sapere altre informazioni sulla pioggia congelantesi guardate qui.

Simone Paolucci

7 Comments
  • Marco Palermo
    Posted at 22:48h, 28 Novembre

    ottimo reportage Simoncino! anche se però oggi secondo me non ne valeva la pena di arrivare fin lassù!

  • simo87
    Posted at 23:08h, 28 Novembre

    Va considerato il fatto importante che io a Bibbiena ci vado ugualmente perchè ho i parenti, quindi metà strada la devo fare ugualmente. Lo scorso inverno ci feci il solco: circa 10 volte ci sarò andato alla Calla !!

  • Astrometeo
    Posted at 23:39h, 28 Novembre

    Io non vedo l’ora che sia sepolta!

  • simo87
    Posted at 23:47h, 28 Novembre

    L’asta per misurare la neve è dura che venga sepolta: sarà alta circa 2 metri emmezzo !

  • ginghe
    Posted at 08:39h, 29 Novembre

    pensa te a che quota era lo strato inversionale: la bolla calda era al di sopra dei 1400m!!

    Io credevo che lo stato inversionale ieri si fosse posizionato fra gli 800 e i 1200/1300 m, ma poi ci fosse il gradiente normale, con nevone alla Burraia!
    Ottimo reportage, Simo!

  • simo87
    Posted at 17:49h, 29 Novembre

    Il modello GFS dava, per le ore 15 di ieri, addirittura una +6 a 850 hPa e lo zero termico a 2200m. Mi aspettovo che fosse il freddo, perchè sò che la zona tiene, però pensavo anche che ci piovesse, anche se speravo che nevicasse. Risultanto: mi sono divertito uguale, perchè non avevo mia visto un gelicidio così !

  • Meteorite
    Posted at 22:00h, 29 Novembre

    Grande Simo!!!!!!
    La Calla in qualsiasi giorno dell’anno merita sempre una visita!!
    o per la neve, torrenti o paesaggi colorati ecc.

Post A Comment