Oggi Festa della Liberazione

Per non dimenticare, ricorre oggi 25 aprile la festa della Liberazione. Liberazione da cosa (potrebbero pensare alcuni, direi quantomeno rozzi….): la liberazione dal nazifascismo in Italia.

La Seconda Guerra Mondiale, il periodo della resistenza partigiana, gli eccedi, ricordiamo ad Arezzo ad esempio quelli di Civitella in Val di Chiana (244 morti) e Vallucciole (108 morti); il 25 aprile è la data nazionale che è stata stabilita per festeggiare la fine dell’incubo che visse l’Italia durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale.

Pregherei tutti i fascisti che oggi rimpiangono Mussolini (che ce ne sono) di andare a lavorare oggi, come se fosse un giorno normale, perchè questa festa non è certo per loro!!

Oggi per appunto è anche Pasquetta, quindi festa ugualmente.

Una testimonianza tratta dal libro “Gli Unni in Toscana” di V. Chianini sull’eccidio di Raggiolo (Casentino) nel 1944.

Una mattina alcuni soldati tedeschi passarono per Raggiolo, in cerca di partigiani e bestiame. Non trovarono ne partigiani ne bestiame, ma sorpresero ed agguantarono sei pacifici montagnoli inermi, che fucilarono sul sacrato della chiesa, insieme al parroco.
Una massaia, alla vista della strage, uscì di casa, fuggendo alla volta della selva vicina. Portava in collo un suo bambino lattante. Due tedeschi la videro e la inseguirono, la raggiunsero e la fermarono. “Partigiana, kaputt”, disse uno, mentre l’altro tentava di strapparle il bambino dal seno. Ella si difese e resistette. Ma un tedesco, acciuffata la creatura, la prese per i piedi, la schiantò, ne divaricò le cosce e la divise in due brandelli di carne, mentre la madre veniva trattenuta dall’altro aguzzino.
Compiuto il misfatto, fu lasciata accanto al morticino; vicino giacevano i sette morti sul sacrato della chiesa. Rimasta sola, urlò alla montagna muta e deserta. Urlò invano, finche le resse il fiato e il cuore.
Fu ritrovata la sera, sul far della notte, accanto ai resti del suo bambino, con gli occhi sbarrati nel vuoto, pazza!

Simone Paolucci

No Comments

Post A Comment