Bilancio marzo 2012 Arezzo

Ecco il bilancio di questo marzo 2012 per la città di Arezzo.
Dico le medie di questo marzo 2012 e faccio un confronto con le medie di marzo calcolate nel trentennio 1971-2000. La stazione meteo di riferimento, che prendo in considerazione, è quella ufficiale dell’Aeronautica Militare (AM), zona Molin Bianco.

La temperatura minima media è stata di +2.8°c, valore in linea con la media che è di +2.2°c.

La temperatura massima media è stata di +19.1°c, valore moltissimo sopra alla media che è di +14.0°c. Ancora maggiore la differenza se prendiamo come riferimento il periodo degli anni 1961-1990 in cui la media è di +13.3°c. Quindi abbiamo avuto temperature massime maggiori di oltre 5°c rispetto alla media! Sono state temperature in media per il periodo di fine aprile-inizio maggio, ma in realtà eravamo a marzo!

Non si sono registrati record estremi di temperatura minima e massima, che rimangono i -10.0°c del 2005 e i +24.6°c del 2001 (inizio rilevazioni 1957). Da notare però che siamo arrivati molto vicino al record della temperatura massima, dato che sono stati raggiunti i +24.4°c il 28 marzo e i +24.2°c il giorno successivo.

Ma è da notare soprattutto che le piogge sono state praticamente assenti: totale di 2.0 mm, mentre la media è di 58.7 mm. In 87 anni di dati, in un solo anno marzo ha avuto meno piogge. Si tratta del marzo 1994 quando Arezzo ebbe 1.4 mm, oppure potremo considerare il dato di Località Puglia (che è accanto ad Arezzo) che nel marzo 1994 fece 0.0 mm.
In questo marzo 2012 abbiamo avuto un solo giorno di pioggia, mentre la media è di 7 giorni.
Speriamo veramente che ci siano piogge importanti prima dell’estate, altrimenti alcune zone rischiano grosso! Al momento aprile ha iniziato in maniera dignitosa, ma la strada per risanare un po’ il deficit idrico è ancora molto lunga!

Per sapere alcune curiosità della stazione meteo ufficiale di Arezzo AM cliccate qui!

Qui, Arezzo vista dal Pratomagno: al centro il Monte Lignano (836 m) e uno scorcio del Lago Trasimeno.

Simone Paolucci

2 Comments

Post A Comment